lunedì 8 marzo 2010

NIENTE SCUSE???


Ciao a tutti. Faccio un post semplice, ho poco tempo,
ma latito anche da tempo.

È un post dove mi pongo alcune domande, dandomi delle risposte.

1) Era giusta una competizione senza il PDL? NO DI CERTO.

2) È giusto un decreto che modifica in corsa le regole? NO DI CERTO.

3) Allora cosa fare? DUE COSE.
Primo, allungare i tempi per votare, così non si modificava nulla.
Secondo, far pagare una grossa sanzione pecuniaria a chi
ha fatto saltare i tempi.
Hanno scelto diversamente. E non sono dietrologa, io non penso
a un aiuto di Napolitano, ma penso che questa "occasione" per
smerdare il PDL (e poi farlo tornare in gioco)
sia stata NUOVAMENTE persa del PD.

4) Occasione persa dal PD? CERTO. Poteva far soffrire con cura
il PDL e poi, con grande garbo e democrazia, allungando
tempi e sanzionando, farlo rientrare in gioco. Berlusconi sapeva
che questo errore di Milione gli poteva costare almeno un milione
e più di voti persi. Lui si, ma il PD non l'ha capito.
Come al solito.
Basterebbe leggere cosa ha scritto oggi Giuliano Ferrara...
Il Giuliano Ferrara...

5) Qualcuno di voi ha sentito scuse dal PDL? NO DI CERTO.
Tutto dovuto. E i giornali affiancatori del premier a dire
che era tutto dovuto, e come al solito a dire che la sinistra
fa schifo e che è pure antidemocratica, percbè pretendeva il rispetto
delle regole. Addirittura i sinistrosi caduti nel tranello.
Infatti la Finocchiaro ha detto (DAL SITO DI LUTTAZZI);
1. Anna Finocchiaro: “Stavolta sono stati superati i limiti,
non potranno non esserci conseguenze, non possono pensare
di prendere in giro noi e gli italiani”.
2. Anna Finocchiaro: “Glielo lasceremo fare di nuovo,
e poi di nuovo ancora, e ancora…

6) Di Pietro. Continuo a pensare che non abbia strategie a lungo termine,
e che usi la folla viola come diceva Lisander Manzun...basta un nulla e la
folla si trasforma in una bestia senza capo né coda...
Insomma non mi convince.

7) Mi mancano i veri leader, quelli che pensano in lungo. Che fare?
Mauro pensa ad emigrare in Albania, ma io non voglio emigrare perchè,
ahimè, io amo questo Paese che ha dato molto e può dare tantissimo al mondo.
Abbiamo inventato il nucleare piezoelettrico, a impatto zero.
Lo sta sperimentando il CNR. E il governo ha anche dato dei fondi.
Solo che dovremo aspettare un po'. Intanto potevamo andare avanti con le rinnovabili,
ma purtroppo, nonostante fior di incentivi, nel 2020 dovremo importare energia rinnovabile dai paesi vicini, tra cui Croazia e Albania. (FONTE EWEA, European Wind Energy Association).

8) Ci hanno reso teledipendenti e depressi, incattiviti e impauriti dal diverso.
Con il razzismo ci stanno fregando. Ci controlleranno con il razzismo e la paura.
E noi, ricchi occidentali ci inoltreremo sempre più nel VIRTUALE, abituandoci ad amici virtuali, relazioni virtuali, diete virtuali, una serie di oggetti legati in rete a breve sommergerà la nostre vite. Ci peseremo su una bilancia e lei trasmetterà su facebook o twitter il peso e ci darà il “responso”. Faremo una lavatrice che darà il risultato in rete. Tutto virtuale, senza uscire di casa.

8) Ci dobbiamo riprendere la vita? Si, anche semplicemente andando a mostre,
al cinema, mangiando in piccoli locali tipici dove alla seconda volta sei amico dell’oste, passeggiando in montagna e salutando tutti quelli che si incontrano. Chiaccherando e cercando la sintonia con il prossimo, senza dover catechizzare sempre tutto e tutti.
Si fanno proseliti con il miele non con la rabbia.

Concludo parlando di un film visto da pochissimo tempo, dieci giorni fa,
appena uscito, INVICTUS.
Da un ottimo messaggio, un leader deve amalgamare e rafforzare il popolo e la nazione. E per farlo hanno usato uno sport, il rugby.
Da noi lo sport è il sostituto della nazione, in Sudafrica è diventato
il primo collante di una nazione in procinto di una guerra civile.

Un leader è tale se rischia, sennò stia a casa.

30 commenti:

  1. Concordo con le tue conclusioni, che siamo ancora in attesa di un leader valido, ma non vorrei che rimanessimo ad aspettare Godot indefinitamente. A dirla tutta poi sono più per la ricerca di strumenti e meccanismi che portino ad una maggiore partecipazione, ma quali e come arrivarci, rimane ancora da scoprire.

    1) e 2) Pienamente d'accordo.
    3) non so se fosse tecnicamente possibile agire in quella maniera, ma nel caso sarebbe stata una soluzione più corretta.
    4) Assolutamente d'accordo, potevano gestire meglio questo regalo da parte della destra che invece, come al solito è riuscita a trasformare in vantaggio un proprio errore.
    E questo vale come risposta anche per il 5).
    Però credo che tu stia sottivalutando il problema di fondo, che diamo per scontato e che invece è sempre determinate e cioè la disparità di fondo tra le due fazioni nella possibilità di far sentire la propria voce. Da una parte abbiamo certo più scaltrezza e cinismo, ma anche una potenza di fuoco enorme, per cui la loro voce diventa, per la maggior parte dei cittadini 'LA' voce ufficiale, una versione arrabattata ed improponibile, sparata grossa, con qualche giorno di martellamento dai vari portavoce che con parole diverse e toni diversi propongono quella stessa tesi, finiscono per essere creduti. Così la sinistra che, corretamente, chiedeva il rispetto delle regole è diventata antidemocretica perché non voleva far votare e loro che si sono rigirate le regole (come al solito) come gli faceva comodo, sono quelli che hanno lottato per la libertà! È assurdo che riescano sempre in queste operazioni di manipolazione, ma è così e non credo che sia solo demerito della sinistra, il problema principale rimane quello della disparità di condizioni.
    6) Di Pietro credo che abbia fatto al sua parte, che è sempre quella di chiedere il rispetto delle regole, sull'attacco a Napolitano forse ha esagerato, se non avesse firmato immagino come l'avrebbero messa. Sarebbe stata la conferma che era una manovra della sinistra...
    Se una parte detta le regole, può cambiarle in corsa e può dare la versione ufficiale di come sono andate le cose, inventandosela come più gli fa comdo, mi pare che non ci sia storia per gli altri, a meno che non si comincino ad aprire un po' di occhi.
    Ma questa purtroppo rimane una speranza...

    Riguardo alle energie pulite che tocchi marginalmente parlando di emigrazione in Albania, vorrei segnalare il bel reportage (come sempre) di presa diretta che c'è stato ieri. Tra le altre cose c'era il fatto che importiamo energia elettrica prodotta con l'eolico dall'Albania. Quei generatori sono impiantati da una ditta italiana che ha molte difficoltà a mandare avanti le sue realizzazioni in Italia, perché rispetta le regole, non unge e le amministrazioni gli frappongono ostacoli burocratici, mandando invece avanti altri che realizzano impianti che poi rimangono spenti...
    Certo viene voglia veramente di emigrare.
    È sconvolgente come, ogni volta che si vada a scavare un minimo si trovino sempre gli stessi problemi, in ogni ambito: le cose non vanno perché tutto viene fatto per favorire alcuni, non l'interesse comune. La logica è sempre quella, siamo in Italia!
    Ma perché dobbiamo sottostare a tutto ciò!!!

    RispondiElimina
  2. Obbie, non dimentico la disparità massmediatica...impossibile...
    Però credo nel popolo italiano che secondo me è molto più sveglio di quello che credono quei manipolatori di professione.

    Io faccio proselitismo dolce, come Roby, parlando ed esponendo soprattutto i miei dubbi e i problemi che mi ritrovo a combattere, come tanti come tutti.

    E nel dirlo dico perchè stanno capitando, non sono meteore, sono stati decisi, da tempo e non solo da questo governo.

    Da quanto anni le scuole dimenticano le teorie di Darwin? Va a finire che siamo tutti stati cacciati dal Paradiso Terrestre...

    Da quanto tempo cercano di ridurre a due (forse...magari) le voci della politica italiana dicendo che i poli sono moderni versus le antiche dispersioni dei partiti e partitini? Però non è vero, mai viste coalizioni (infatti non hanno il coraggio di chiamarsi partiti) più incasinate di quelle del PDL (medaglia d'oro) e del PD (medaglia d'argento dopo l'uscita della binetti).

    E così via...

    Però si riesce a parlare ancora, non hanno bloccato la "chiacchera" da bar, da fila alla posta, da trattoria, da pic nic...e lì si può con cortesia esporre I PROBLEMI vedere quanto sono comuni e far capire chi l'ha programmato quel problema, mentre dice di averlo risolto...

    La gente è sveglia. Mio suocero che è sempre stato democristiano e cercava di capire il nuovo scenario politico, adesso è stanco, e vuole una televisione APOLITICA. Ma così si vedrebbero solo telefilm americani e pubblicità... Per me va bene...
    Simpaticamente ha cercato di acquistarla, ma nessun rivenditore ha la televisione APOLITICA...

    POI VOGLIO SOTTOLINEARE UNA COSA CHE TI E' SFUGGITA.
    SULLE RINNOVABILI.
    In Italia abbiamo inventato il NUCLEARE PULITO.
    Il nucleare piezoelettrico. Al quale si potrebbe arrivare in modo chiaro e utilizzabile tra 15 anni. Non a caso Obama è tornato al nucleare.

    E nel frattempo sviluppare le altre rinnovabili.

    Invece nel 2020 compreremo anche l'eolico albanese fatto dall'italiano perchè al 20% non ci arriveremo, persi tra mille inutili discussioni.

    Ma la bolletta arriverà. E lì non ci sarà da ridere...

    IL NUCLEARE ITALIANO PULITO

    RispondiElimina
  3. Questo nucleare piezoelettrico sembra veramente molto promettente, anzi anche più che una promessa.
    Speriamo che possano continuare a portare avanti questi studi, che non vengano ostacolati, che non si scopra che c'è qualche problema insormontabile per cui non se ne farà niente...

    RispondiElimina
  4. Ma pensa un po'!
    Non sapevo nulla del nuculare...oops!
    Del nucleare piezoelettrico. Un grazie, Dani, per l'informazione. Per quanto riguarda la faccenda politica di questi giorni, non ho parole. Si continuano ad incassare delusioni. Il PDL non si smentisce mai,
    ma anche il PDmenoelle, orcocan!
    Ieri ho letto un dibattito, tuttora in corso sul blog del Russo, sul voto elettorale. Se vi va dateci un'occhiata. Consiglio di leggere bene per capirne la dinamica. Per il resto vado a letto che sono un po' stanco, ma voglio prima dire che io per domenica ci conto, e spero anche voi.
    Buonanotte_

    RispondiElimina
  5. Ciao Roby, parlo anche a nome di Obbie e ti rispondo che anche noi saremo molto lieti di incontrarsi domenica!!! Insomma ci contiamo!!!
    A questo punto è il direttore del Tg che è defilato...(mandiiiiiii ....dove diamine sei?)

    RispondiElimina
  6. Dromedari di tutta Italia!
    Non vedo l'ora di incontrarvi ed un rinvio, come vi dicevo, ora sarebbe spiacevole. Non sarà proprio un pranzo nuziale come sperava qualcuno ;-) ma saremo comunque un bel gruppetto.

    Tornando all'argomento del post volevo segnalarvi che le scuse ci sono state!
    Il premier chiede scusa

    RispondiElimina
  7. Mica pensavate davvero! Dai!

    RispondiElimina
  8. Cari miei, vorrei affiancarmi al Russo, in un prossimo post, per appellarmi al popolo che non vuole andare al voto. Farò giovedì.
    Ma non vorrei occupare spazio anche qui, dite che faccio male?
    Per domenica, spero solo che il tempo sia clemente (qua fa un freddo boia!), non vedo l'ora!
    Ma adesso è ora di andare al lavoro...

    RispondiElimina
  9. toc toc....è permesso ragazzi? guardate un pò chi c' è alla porta.....

    E già sono proprio io, e con un po di vergogna per questa mia lunghissima assenza,ma c' è in servo per voi un pensierino in Anarkos,spero lo gradiate viene dal profondo del cuore, un' abbraccio a tutti voi! Ciao amici a presto! Christian Pì

    RispondiElimina
  10. MITICO!!!
    Grande Chris! Ma lo sai che domenica ci si ritrova a Bologna?
    Vado subito sul tuo blog.

    RispondiElimina
  11. Bentornato Christian!
    Ti ho risposto su AVAPXOS .

    RispondiElimina
  12. Punto 6): c'è qualuno che abbia strategie a lungo termine?
    Inoltre: c'è qualcuno a sinistra che alza la voce? Dall'altra parte la alzano anche in troppi. Noi che si fa: zitti e muti?
    Il Capo dello Stato: fa bene Di Pietro ad accusare. Leggetevi cosa dice Bruno Tinti sul mio blog, sarà più chiaro: troppe firme facili! Aggiungo: c'è paura e il garante della Costituzione non deve avere paura!

    RispondiElimina
  13. Conosco la tua posizione, che condivido, sull'Idv, ma non so quanto giovi alla causa un eccesso di toni alti. Fatto sta che altrimenti non ci si scuote. La sinistra, esatto: il Pd ha una reazione che equivale a "zitti e muti". Ho sentito anche il passaparola di Travaglio , Luigi, ed ha confermato le nostre paure. Quella firma è stata una cosa molto grave. Zagrebelsky è molto chiaro sul fatto del decreto improponibile (leggi intervista su Repubblica). E'uno scivolare verso il basso, che, fino ad ora, non ha conosciuto sosta. Riportato, su questo blog , l'intervista rilasciata a repubblica da Gustavo Zagrebelsky. Consiglio la lattura a tutti.

    RispondiElimina
  14. Come al solito, bravo Roby.
    Dall'intervista rilasciata a "La repubblica" da Gustavo Zagrebelsky prendo l'ultima frase, perchè è la sintesi del sentimento che provo quando vedo nei "dirigenti politici" mancanza di strategia a lungo termine e quindi mancanza di responsabilità.

    "L'unica cautela è far sì che l'obiettivo sia difendere la Costituzione e non alimentare solo la rissa. C'è chi cerca di provocare lo scontro. Per evitarlo non si può rinunciare a difendere i principi fondamentali. Speriamo che ci si riesca. La mobilitazione dell'opposizione responsabile e di quella che si chiama la società civile può servire proprio a far aprire gli occhi ai molti che finora non vedono".

    Spero che adesso il punto 6) sia più chiaro.

    RispondiElimina
  15. Mandi, tu arrivi alle 11? Credo che sia l'orario giusto anche per me.
    Ci troviamo in piazza, oppure come l'hai pensata?

    RispondiElimina
  16. ciao, Roby!
    io arriverò per le 10.30/11.00 alla stazione (traffico permettendo)
    aspetto Obbie.

    premetto che sono stato a bologna l'ultima volta oltre vent'anni fà, quindi i miei ricordi sono offuscati.

    se per te và bene vederci in stazione, e poi ci avviamo a piedi al ristorante, che dista pochi isolati, diciamo 800/1000 metri, fammelo sapere.

    la daniela verrà direttamente al ristorante, come da accordi telefonici avuti oggi!

    RispondiElimina
  17. Si, per me andrebbe bene, ma dove si lasciano le macchine?

    RispondiElimina
  18. vicino alla stazione di posto se ne trova!
    spero.....

    allora d'accordo, ci si vede alla stazione.
    poi ci si avvia al ristorante, facendo una sosta per l'aperitivo ad ogni bar che ci si para davanti, così da arrivare a tavola talmente stronati da non capire se si mangia carne o pesce o verdura, non riuscire a decifrare il conto che ci porteranno, litigare per chi paga, facendo un casino della madonna o del nano, a scelta, magari uscire senza pagare nella totale distrazione dei gestori ormai stufi di noi, tornare a casa su di una carrozza targata 118, dopo esserci messi d'accordo per la prossima abbuffata, salvo complicazioni varie ed eventuali!

    ok!
    alla stazione!!!!

    RispondiElimina
  19. ne arrivo dal bar, dove mi sono ingurgitato un paio di ceres (o un paio di cartoni di ceres, non ricordo)!
    quindi prendi con le pinze il tutto, salvo il fatto che ci vedremo alla stazione!

    a domani, canaglia, ora vado a dormire, anzi, vado a continuare a dormire nel letto invece che davanti al pc!

    RispondiElimina
  20. Anche io sono una decina d'anni che non bazzico dalle parti della stazione.
    Spero tu abbia ragione.
    Comunque la stazione è grande: quando arrivo ti faccio una chiamata.
    Comunque, "qualcuna" vuole che si parcheggi e poi si venga in stazione a piedi...
    A domani, canaglia!

    RispondiElimina
  21. CIAO!!!
    SONO MOLTO MOLTO FELICE DI AVERVI INCONTRATO!!!
    FINALMENTE PERSONE SANE GENTILI NORMALI ED EDUCATE.
    E INFINE CI SIAMO ANCHE DIVERTITI...perchè se qualcuno si aspettava grosse e gravi discussioni politiche, ci siamo trovati invece a ridere e scherzare...
    BELLISSIMO!
    Grazie ancora!!!

    RispondiElimina
  22. un buongiorno a tutti!

    certo che è difficile cominciare la settimana, dopo aver passato in allegria la domenica, com amici "veri".

    felicissimo di avervi conosciuto di persona.

    sono tornato a casa stanco ma contento, anche Terenzio si è divertito, un pò meno al ritorno, visto che ho messo il catorcio a tavoletta da bologna fino a casa, però siamo arrivati in tempo per scolarci qualca altra birra.

    ora però tocca a voi organizzare, dove e quando volete.

    RispondiElimina
  23. dimenticavo:

    grazie ad Obbie per le foto,
    provvederò a rigirarle all'amico al più presto.

    RispondiElimina
  24. Cari amici, che giornata stupenda ieri!
    La mia felicità è alle stelle: non avrei mai potuto immaginare una giornata migliore.
    Questa mattina mi sono attivato ed ho messo, in fondo al blog, l'HTML di blog laico. Spero che vi piaccia. Se doveste trovarlo troppo aggressivo, siete comunque liberi di rimuoverlo, ma non prima di aver visto i due spezzoni esilaranti dei Griffin.
    Ieri sera invece, ho aggiunto in cima al blog il collegamento al documentario "Il Corpo delle Donne", che offre lo spaccato disastroso della nostra società diventata oramai antropofaga, primi ad essere fagocitati i soggetti più deboli.

    RispondiElimina
  25. Bellissima giornata e bellissimo scoprirvi come vi immaginavo.
    Sono molto contento anche del fatto che tutti siano stati bene.
    Ora segue dibattito!
    :D

    Siamo piuttosto sparsi e non sarà semplice organizzare un'altro incontro, ma è certamente da fare.
    Che ne dite di maggio o giugno?
    Sul dove dipende da chi lo organizzerà, ma direi di scegliere sempre una località piuttosto centrale...

    RispondiElimina
  26. Caro Obbie, Mandi mi ha detto che sarebbe bello trovarci a Ferrara, probabilmente perchè vorrebbe assaggiare la tanto da me declamata bavarese non pastorizzata. Ma mi sembra di chiedere veramente tanto a voi, mentre io sarei praticamente a casa. Direi che una domenica di giugno non andrebbe male, o il 6 o il 13. In caso di accordo per Ferrara, io non avrei problemi, dovrei solo preoccuparmi di scegliere la domenica non lavorativa (a occhio dovrebbero andar bene sia l'una che l'altra). Per il giorno esatto ci guardiamo più avanti, perchè non sono ancora in grado di dire se la domenica scelta da tutti, sarà oggetto di richiesta alla mia azienda.
    Visti i due filmatini dei Griffin?

    RispondiElimina
  27. Anche io sono per la domenica di giugno, specialmente se con tepore e solicello...A me va bene FE è più vicina di BO, ma Obbie???
    I treni superveloci ci sono ma occorre andare a prenderlo/li (se Obbie venisse in gruppo) almeno a Ferrara railwaystation.
    Aspetto news...
    Ciao!
    ROBY FAI IL POST!!!!

    RispondiElimina

Sono graditi i commenti educati, anche ironici e che aggiungono informazioni.