venerdì 12 ottobre 2012

Take AIM at climate change

 

Traduzione di Massimiliano Rupalti che ringrazio tantissimo per l'eccellente lavoro!!


Un piacevolissimo video rapper della NASA che spiega perchè dobbiamo MIRARE AL CAMBIAMENTO CLIMATICO.

MIRARE, ovvero
adattamento
innovazione
mitigazione.
Perchè DEVE ESSERE LA NOSTRA UNICA PRIORITA', perchè la nave Terra sta morendo e con lei moriremo tutti.

Kyoto aveva previsto che avremmo dovuto fermare il riscaldamento della temperatura media della Terra (quella stabilizzata da millenni è di 14°) al massimo entro 2°. Siamo intorno a 1° di aumento e già ci sono implicazioni globali evidenti e palesi. In realtà rischiamo di superare quei 2° con rischi ed effetti assolutamenti non prevedibili, se non che sarà un disastro globale.
Il clima della Terra è cambiato molte volte in risposta a cause naturali. Tuttavia, dal 1900 (non due giorni fa, ma quando la pressione dell'uso dei fossili causata dalla rivoluzione industriale ha cominciato ad essere significativa), il nostro clima è cambiato rapidamente a causa di persistenti artificiali cambiamenti nella composizione dell'atmosfera e di uso del suolo.

Che ognuno di noi può fare MOLTISSIMO, diffondendo queste informazioni, può pensare al Futuro, alle prossime generazioni.
Tale presa di coscienza dovrà, prima o poi,  fare massa critica contro chi nega l'evidenza e continua a usare fonti fossili con il noto impatto sulle temperature globali.

Scusate non vi da la nausea sentire qualcuno che sostiene che l'Olocausto non sia mai esistito?

Olocausto è una parola derivante dal greco ὁλόκαυστος (olokaustos, "bruciato interamente"), a sua volta composta da ὅλος (olos, "tutto intero") e καίω (kaio, "brucio"), ovvero BRUCIO TUTTO INTERO.

Mi pare applicabile al caso
del cambiamento climatico.

Quindi speriamo che prestissimo venga la nausea a tanti quando qualcuno dirà che il cambiamento climatico non c'è, che si può continuare a consumare fossili allegramente (il mefitico B.A.U.) che lo sviluppo e la crescita infinita sono possibili come le cavolate finanziarie fatte di bit e non di cose fisiche, con gli occhi rivolti solo a quel billion di fortunelli a cui apparteniamo.

La Terra però è una sola, se brucia la cucina a breve brucerà il  soggiorno.




8 commenti:

  1. Il consumo di petrolio in Italia è calato da 8 a 5,5 milioni di tonnellate dal 2006.
    (fonte Mondo Elettrico blog)
    Sarebbe un fatto estremamente positivo se non fosse che è un calo dovuto a costrizioni invece che da scelte ragionate e accettate.
    E' l'inizio della china del Dirupo di Seneca (copyright Ugo bardi).

    Un po' di italiani si stanno attrezzando con corde scarponi e giacche a vento.
    Ma si vedono altri che ancora gigioneggiano con bermuda ed infradito.

    "Tanto c'ho il suv quattroperquattro che mi scavalca anche i cordoli e i marciapiedi alti due spanne"
    Che un dio abbia misericordia di loro............

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
  2. Il secolo dell'Olocausto è anche il secolo SENZA ALCUN TIPO DI DIO.

    RispondiElimina
  3. Ti sbagli.

    C'è la Dea Crescita Illimitata e Denaro da Denaro Generato.

    Ma sono divinità assolutamente indifferenti verso la genìa umana.

    Poi seguono divi e divetti di celluloide, di pixel e da aule parlamentari, ma sono perlopiù impotenti e inetti, appena si avventurano al di fuori dei loro clan.

    Marco Sclarandis

    RispondiElimina
  4. Diffuso a pioggia su faccialibro. E' davvero molto bello. Grazie Dani!
    Se c'è modo di far passare il messaggio, metterlo in rap è uno dei pochi sistemi.
    Ci sarebbe anche scriverlo sull'erba dei campi della UEFA o tatuarlo sulle chiappe di Belen, ma le vedo entrambe abbastanza difficoltose.
    Keep on rocking!

    RispondiElimina
  5. Grazie per la diffusione Niarb. Trovo le altre soluzioni eccellenti, solo che, per la seconda, devi tenere ferma Belen...;)

    RispondiElimina
  6. Anche io l'ho diffuso meglio possibile. Il collo di bottiglia di queste informazioni è nel cervello dei nostri vicini, amici, conoscenti e parenti; di qualsiasi potenziale interlocutore, in somma. Ma lasciamo stare le chiappe di Belen, stanno bene così "natur", e sono convinto che le scritte non sarebbero neppure notate su un sottofondo così accattivante per noi maschietti ed invidiabile per molte femminucce. Sui campi di calcio, poi, sarei proprio curioso di sapere quanti tifosi sono in grado di leggere, e di quei pochi di leggere qualcosa di diverso dalla gazzetta dello sport.
    La parola d'ordine è diffondere.

    RispondiElimina
  7. Bravo Robertone, DIFFONDERE DIFFONDERE DIFFONDERE...per ridestare quel povero neurone addormentato da media ipnotici e sodomizzatori...gente senza stipendio ma con l'Iphone5 in tasca...ma per fare cosa? per dire ca**ate su faccialibro? per inviare foto cretine?
    Il tutto cconsumendo energia fossile che inquina e produce maggiore effetto serra?
    Almeno consumassi fossile per avere dei Picasso...o dei Dante...o Shakespeare...o Franklin...

    RispondiElimina

Sono graditi i commenti educati, anche ironici e che aggiungono informazioni.